Mollare la presa, l’arte dell’addio, e altre cose “scomode”….

Inizio citando Viktor Emil Frankl: ” Se non siamo più in grado di cambiare una situazione dolorosa, è il segno che abbiamo l’opportunità di cambiare noi stessi”.

A ben pensarci questo è il motore propulsivo di ogni crescita evolutiva: l’abbandono di qualsiasi certezza, la rinuncia all’illusione del controllo, mollare la presa sulla propria zona di comfort.

Continua a leggere “Mollare la presa, l’arte dell’addio, e altre cose “scomode”….”

Un unico ostacolo alla tua felicità.

È molto semplice.

Il primo e unico ostacolo che hai alla gioia, all’amore e alla felicità, qual’è?

Cosa accomuna tutte le sofferenze più lancinanti che un essere umano può provare?

La perdita di un figlio, di un genitore, la morte in generale, il distacco, la partenza, la fine di un amore, di un matrimonio, perdere qualcosa definitivamente.

La radice di tutti i dolori del mondo è una sola e si chiama SEPARAZIONE.

Anche il neonato, nascendo, sperimenta la separazione dalla madre, dal senso di Uno, e ci metterà una vita a guarirlo…. se va bene.

Continua a leggere “Un unico ostacolo alla tua felicità.”

La crisi nelle relazioni: si può sciogliere?

La mia risposta è Sì.

Oggi parliamo di relazioni.

Relazioni romantiche, amicali, proiettate, compensative, tossiche etc..etc…

Non è mia intenzione trattarle una per una ora, ma di recente ho scoperto il filo che tiene unite tutte le “perle”

Ogni relazione, di qualsiasi tipo, se si scende veramente verso l’intimità, quella essenziale, dove incontriamo invariabilmente l’innocenza e la morbidezza, ogni relazione causa un duplice effetto: attiva il corpo di dolore e nutre i nostri schemi egoici.

Cosa vuol dire esattamente tutto ciò?

Continua a leggere “La crisi nelle relazioni: si può sciogliere?”

L’ego non è un nemico, ma un “sacrificio” volontario dell’essere.

Stamattina ho ricevuto in posta questo video del Maestro Advaita Vedanta, Rupert Spira, che seguo e amo da anni.

L’ho trovato illuminante!!!

Negli ambienti olistici e di crescita ed evoluzione del potere spirituale si ingaggia spesso una battaglia all’ego, lo si vuole distruggere, combattere, spezzare, dissolvere… sciogliere nell’acido… etc…

Siamo davvero così sicuri che l’ego sia un errore? Rupert chiede alla sua interlocutrice proprio questo: “non sei troppo severa con lui?”

È chiaro che negli aspetti egoici più estremi e disfunzionali, l’ego è una struttura psichica che può originare tanta inutile sofferenza e disagio, per sè e per gli altri.

Ma qual’e la sua funzione più squisitamente Spirituale? La natura ( o Dio, o la Vita, o l’Esistenza, o l’Assoluto), non fa le cose a caso…

La riflessione a cui ci invita Rupert è molto semplice, innocente direi, e in qualche modo mi scalda il cuore.

L’ego è il sacrificio volontario dell’Essere Eterno e Non Separato, che per manifestare sè stesso nell’universo tangibile, deve dimenticare in parte chi è, e vestirsi di un senso di separazione (io e mio).

Sapere che l’Ego è una temporanea limitazione della mia vera natura, che ho coscientemente e volontariamente assunto al fine di portare il mondo in illusoria esistenza, e che sono libera, in qualsiasi istante di compiere passi a ritroso dall’Ego alla mia autentica natura infinita…. beh…. mi fa sentire molto molto molto bene. E non ho più voglia di distruggerlo, ma di conoscerlo e celebrare la sua funzione esistenziale.

Una domanda poi è sorta: “perché tutto questo?”

E mentre cercavo la risposta…. mi sono chiesta: “chi lo vuol sapere???”. Ho riso da sola, e mi sono versata una tazza di caffè caldo.☕️

Buona giornata.

Quello che la vita ti offre è conforme alla tua emanazione.

Non abbiamo controllo dei nostri pensieri e sentimenti. Tante sono le dipendenze emozionali e i sequestri emotivi e analitici.
Spesso sprechiamo energie in pura perdita invece di economizzarle in vista di un lavoro importante e profondo.

Il lavoro è conoscersi e crescere in coscienza di sè, ricordarsi continuamente delle proprie priorità, e ridirigersi verso esse, ogni qualvolta è necessario.

Nel frattempo vivere, le relazioni, la musica, la natura, ma… in coscienza di sè.

Nel contempo abbracciare tutto di sè, ferite, lati ombra, paure e frustrazioni…. includere tutto e per questo disfarsi dell’immagine che vogliamo avere di noi.

Siamo quel che siamo, ad ogni istante cambiamo. E questa è l’unica cosa che non cambia.

Buongiorno!

L’Ego spirituale, oggi.

200316042-001

Argomento scomodo, lo so.

Sono circa 20 anni che vivo, studio e lavoro nel mondo della crescita personale e dell’evoluzione spirituale e la quantità di manipolazione, strategie e subdolo controllo che ho trovato in quest’ambito non l’ho riscontrata in nessun’altro ambiente.

Oggi maestri, guru, specialisti, istruttori dell’anima e via dicendo spopolano e infestano il web come mai prima, io stessa ne sono un esempio, ma siamo sicuri che chi abbiamo di fronte abbia autenticamente, con cuore e anima, lavorato su ciò che ci sta proponendo o che pretende di mostrarmi?

Alla stessa stregua di una guida alpina, anche nel percorso di evoluzione spirituale, non puoi condurre qualcuno dove tu stesso non sei stato.

Ci sono 10 indicatori che, nella mia esperienza personale, ho potuto osservare. Indicatori di un autentico “maestro” e indicatori di un ego gonfiato dalle nozioni e tecniche di crescita e miglioramento.

Continua a leggere “L’Ego spirituale, oggi.”

Quando dimentichi te stesso e ti PERDI nell’altro.

Vorrei partire dalla premessa che non è sbagliato essere ipersensibili, super empatici, emotivamente generosi e ultra disponibili.

Se……

Lo sei prima con te stesso.

Chieditelo, fatti un auto test…. “da 0 a 10 quanto sono sensibile ai miei bisogni? quanto sono empatico verso il mio sentire? Quanto tempo ed occasioni di benessere mi dedico?”

Il modo migliore per amare l’altro ed esserci per lui/lei, è, prima di ogni cosa, esserci per sè, nella propria vita, nella propria pelle, nella propria esperienza.

Quando trascuriamo di fare esperienza autentica di noi stessi creiamo inevitabilmente un vuoto. Un buco interiore. Per esperienza autentica intendo conoscere la propria luce quanto la propria ombra, la propria forza quanto la propria vulnerabilità. Per fare esperienza totale e autentica di noi stessi, è necessaria la rinuncia.

A cosa?

All’immagine che abbiamo e che vogliamo presentare di noi.

Questa immagine è il buco camuffato che devia e rimbalza l’autentica esperienza di sè.

Senza questa autenticità non ci sono reali connessioni, ma solo giochi politici. “Tu mi servi perché in qualche modo alimenti e ingrassi l’immagine che ho e che presento di me. Io faccio lo stesso per te.” Questo non è amore, è trading.

Allora accade che, quando per qualche motivo, (e ve ne sono diversi e frequenti), non riusciamo a reggere il teatrino dell’immagine, veniamo meno al contratto e l’altro ci ferisce, o ci scarta, o perde interesse e presenza. Come accade nelle relazioni tossiche tenute insieme per approvvigionamento narcisistico.

Il narcisista è un buco nero che brama e ruba letteralmente l’energia all’altro, per suo proprio nutrimento, “suo” dell’immagine, dell’ego,

Io credo che finché non ci guardiamo veramente dentro, non guardiamo il vuoto, la ferita, le paure e il senso di inadeguatezza, (e ognuno c’ha le sue….. ) finché non prendiamo questa decisione e non la perseguiamo con disciplina e rispetto e amore per se stessi, allora siamo tutti un po’ narcisisti, e proiettando sull’altro la soddisfazione dei nostri vuoti, alimentiamo quel buco camuffato che si chiama ego.

Io personalmente, peferisco amare ed essere amata autenticamente, piuttosto che fare bella figura.

Iris Gioia Deva Rajani

Dipendenza Affettiva? L’inferno dentro e fuori.


La dipendenza Affettiva al pari di qualsiasi altra dipendenza e/o tossicità, si verifica quando abbiamo consegnato il nostro potere a qualcuno o a qualcosa al di fuori di noi.

Naturalmente la vita è relazione, e la felicità è più saporita se condivisa, ma siamo sicuri che ciò che ci muove verso l’altro sia la gioia traboccante e non un bisogno narcisistico?

Io per prima non ne sono certa.

Al pari di ognuno su questa terra ho le mie ferite, e non di tutt’e me ne sono presa piena responsabilità, sono una donna in cammino, a volte inciampo, ma mi rialzo sempre una volta in più.

Le ferite del passato, soprattutto quelle di cui ignoriamo l’esistenza e che ancora sono aperte, ci conducono inevitabilmente alla compulsiva ricerca di qualcuno, spesso un partner, che le possa guarire, o inconsciamente che le faccia bruciare ancor di più.

Questo ci rende affamati, dipendenti, bisognosi….. e arrabbiati quando l’altro tradisce le nostre narcisistiche pretese.

Ci sono due notizie a riguardo, una buona e una cattiva.

Notizia buona: le ferite si possono guarire solo da dentro.

Notizia cattiva: le ferite si possono guarire solo da dentro.

😉

Questo richiede un lavoro su di sè, guidato amorevolmente e con empatia, attraverso le dinamiche del passato irrisolte e non ancora accettate e comprese dal cuore compassionevole che batte nel petto di ognuno.

Siamo umani, possiamo sbagliarci. Sempre perché siamo umani possiamo comprendere, perdonare e integrare il nostro passato.

Avremmo così relazioni sane e non giochi di potere tra narcisisti e co-dipendenti, che poi finiscono inevitabilmente per scambiarsi di ruolo.

Parleremo di questo nel gruppo di incontro di Mercoledì 25 Ottobre.

Dentro di te, c’è tutto ciò che ti serve, ma se stai guardando fuori, non lo puoi vedere.

Stai con te.

Iris Gioia

L’Amore mi ha vissuta… e continua.

Era il 21 luglio 2015, e in una spiaggia sassosa sulla costa veronese del Lago di Garda, il sole mi baciava la pelle.

Da lì, da quel momento ordinario, sgorgarono  parole da ogni parte del mio corpo.

Ogni mia cellula ha voluto scriverle.

Allora scrissi: “Ho capito cos’è l’Amore”, oggi dico “L’amore mi ha vissuta”.

E sono felice di scoprire che Amore e Veritá sono la medesima energia, e grata del dono di scoprirli ogni giorno.

Grata di essere scelta e di ricevere.

Grata a Iris, per aver riconosciuto Iris, Ma Deva Rajani.

Ed ecco….


Vedersi e ri-conoscersi ad ogni istante.

Riconoscersi nei continui movimenti tuoi, dell’altro e dell’esistenza.

Abbracciare le paure. Ascoltarle quando sorgono e prendertene cura.

Coltivare la pazienza, nell’atto di testimoniare la vita che scorre attraverso entrambi.

Onorare l’energia vitale.

Rendere il sesso una sacra esperienza.

Essere, nel l’autenticità di un “mi dispiace”, “ho paura”, “sei importante”.

Abbracciarsi non meno di 12 volte al giorno.

Nutrire l’altro, lasciarsi nutrire.

Sentirsi degni di cura e di attenzioni.

Onorare le tue connessioni col mondo, e le sue.

Celebrare i vicendevoli talenti.

Fare il tifo per i propri sogni e per i suoi.

Prendersi per mano dolcemente dire: “hey, Amore, guarda…. È questo il presente, Stiamo qui, con quello che c’è.”

E poi danzare, danzare insieme.

E condividere il silenzio.

Ritrovarsi nel centro esatto della consapevolezza, dove Siamo Uno.

Accompagnarsi nel distacco, nella separazione.

Concedersi spaziosità, concederla all’altro.

Fidarsi, affidarsi.

Dire si, quando è si. No quando è no…. E….Sentirlo profondamente.

E poi l’ascolto profondo.

E testimoniare l’amore….. Con immensa gratitudine. Ed offrirla ai piedi dell’altro.

Nell’amore c’è la più grande occasione di crescita, guarigione e trasformazione.

Tutto è Amore.

Ma Deva Rajani Iris Gioia